“Ludopatia”? No, grazie

http://www.corriere.it/cronache/17_aprile_07/legge-anti-slot-senza-decreto-attuativo-un-anno-ce-ne-sono-30-mila-piu-72480292-1bd9-11e7-a7aa-d3cb5d83b09d.shtml

Ho sempre sostenuto che il primo passo per affrontare realmente un problema è capire di cosa si sta parlando, iniziando con il dare il giusto nome alle cose. “Ludopatia” non è il termine appropriato per descrivere la dipendenza da gioco d’azzardo! Continua a leggere ““Ludopatia”? No, grazie”

Il film psicoanalitico

Spesso si arriva in analisi con la voglia di “raccogliere le idee, essere logico e riportare il mondo in una prospettiva razionale” ma poi ci si rende conto che in quella stanza tutto si fa tranne che essere razionali! Mi è capitato spesso di uscire dallo studio del mio analista e di domandarmi: cosa è successo oggi? Magari ero andato lì con un problema che mi arrovellava il cervello da giorni e poi…boh! Parlavo di tutt’altro, cose che apparentemente (o no) non avevano nulla a che fare con ciò che mi affliggeva e andavo via con pensieri nuovi che non sostituivano affatto quelli vecchi ma che, anzi, si aggiungevano ad essi…e stavo bene!! Continua a leggere “Il film psicoanalitico”

Il discorso di fine anno: buon 2017!

Ho letto (perché, mio malgrado, sentirlo mi riesce veramente difficile e ascoltarlo ancora di più) il discorso di Sergio Mattarella subito dopo aver ascoltato le parole di Beppe Grillo.
Lasciando da parte per un attimo i rispettivi ruoli per cui anche solo il paragone tra i discorsi sembra futile – il primo, personaggio politico con incarico istituzionale, il secondo cofondatore, primo attivista e promotore di un movimento popolare che urla alla democrazia attiva – la differenza che mi si è palesata davanti è stata abissale! Continua a leggere “Il discorso di fine anno: buon 2017!”

Father and son – Uno sguardo sulla famiglia

Father and Son è un film di Hirokazu Kore-Eda, regista giapponese, uscito in Italia nel 2014. Sono incappato in questa pellicola grazie a un esame previsto nel piano di studi della mia Scuola di Specializzazione e quello che segue è il frutto di alcune riflessioni fatte rispetto al tema centrale del film: la paternità è qualcosa di biologico o di relazionale-affettivo? Continua a leggere “Father and son – Uno sguardo sulla famiglia”

Spunti

Alla fine non siamo che una delle possibili forme dell’Universo.Tutto si muove secondo regole precise: atomi, cellule, organi, piante, animali, pianeti, galassie. La cosa più bella però è un’altra…l’ordine parte sempre dal Caos e inquilino del caos è il suo anagramma CASO. E’ lui che muove tutto ed è bellissimo e stimolante pensare a come l’essere umano riesca sempre a trovare strategie per rimettere ordine. Creatività, è questa che permette all’uomo di colorarsi la vita!

Se non (ci) fossi io

In una scena del film “The Mask”, Stanley Ipkiss – il personaggio interpretato da Jim Carrey – afferma che, metaforicamente parlando, tutti noi portiamo una maschera. Ma che cos’è questa “maschera” e, se è vero che la indossiamo tutti, qual è la sua funzione? L’argomento mi interessa già da un po’ di tempo e mi sta capitando sempre più spesso di trovare esempi – siano essi letterari, cinematografici o riguardanti episodi di vita reale – che dimostrano come questa affermazione sia quanto mai vera, soprattutto nella società attuale. Continua a leggere “Se non (ci) fossi io”

Divenire…

umano, macchie 167122

Come avrete intuito mi piace dar voce anche ai “momenti” dei miei amici e, proprio per questo, voglio proporvi oggi un pensiero di Luciana. Laureatasi in “Psicologia Clinica e della Salute” all’Università di Chieti, “Luly” (come lei stessa si firma) attualmente collabora con l’ASPIC di Pescara – associazione in cui ha frequentato il master in “Counseling e Coaching Psicologico” – nell’area dell’affettività.

Continua a leggere “Divenire…”